Enter your keyword

Dichiarazione Don Bernardino Mongelluzzi

Dichiarazione Don Bernardino Mongelluzzi

Con il popolo polacco siamo accomunati da un culto profondo , radicato e filiale verso Maria, che connota la stessa storia dei nostri popoli, che non può essere disgiunta da quella civile. Da tremila anni a Crotone regna una Donna: secondo la mitologia greca la prima proprietaria del promontorio fu Teti la Madre di Achille, poi questa lo donò a Hera la Madre degli Dei dell’Olimpo e infine con l’avvento dell’era cristiana ecco la Madonna Madre di Dio e degli Uomini. Il riferimento nel corso dei millenni è stato sempre alla Madre, a Crotone la Madonna è appellata come la “ Mamma Grande”.

Da secoli Crotone conosce un’altra mirabile notte, alla tradizionale e radicata celebrazione natalizia e pasquale si aggiunge la notte della Madonna, impressionante convocazione di fedeli, che per voto, per richiesta di grazie, per penitenza. Certamente tutti per amore della Madonna, dalla Basilica Cattedrale intraprendono un lungo percorso di circa 12 chilometri, guidati e accompagnati da Maria, unica luce nel buio della notte, per raggiungere l’antico sito di Capo Colonna, dove è sorto il culto mariano. Ed è questo amore per Maria che connota il popolo crotonese, la cui storia non si può disgiungere da quella della Madonna. La Notte del Pellegrinaggio i figli si ritrovano tutti intorno all’unica Madre si muove in pellegrinaggio per andare a trovare Maria partendo dai propri paesi.

Noi il pellegrinaggio lo facciamo con Maria, è Lei che ci guida nella notte verso la luce, “ad Iesum per Mariam”.
Capocolonna, punto di riferimento culturale e religioso per il nostro territorio, sede di antiche scuole che hanno illuminato il mondo antico, la magna Grecia culla e faro di cultura, ancora oggi continua ad essere riferimento anche per l’arte; non a caso a Crotone vengono realizzati dal maestro orafo crotonese Michele Affidato i diademi che incoroneranno la Regina del Popolo Polacco. Crotone è porta del Mediterraneo attraverso cui passa la cultura, l’arte ma anche un messaggio di pace e di accoglienza verso chi soffre e fugge dalla sofferenza, dalla fame e dalla guerra.

La Madonna è Madre che accoglie e consola tutti.

Translate »